Bella festa, vero? E non è finita qui...

Bella festa, vero?

La partecipazione all’evento “Porte aperte all’accoglienza” è stata fortissima: abbiamo contato quasi 200 persone tra amici, volontari e sostenitori.

M  ​​

Un grazie speciale ai volontari dell’Associazione Fratelli SEA, che hanno dato il meglio di sé con le loro attività di animazione per i più piccoli. Grazie di cuore anche a Enrica Gioia e ai ragazzi del liceo Maffeo Vegio di Lodi; grazie alla Cooperativa Operai e Contadini di Borghetto Lodigiano, all’associazione CLAM di Lodi, all’oratorio S.Marco di Cologno Monzese, alla Pizzeria da Carmine di S. Colombano al Lambro, albirrificio Gambolò, alla macelleria Parmigiani di Graffignana, a Mara Crepaldi, a Matteo Porchera e Andrea Boriani, a don Carlo Groppi e a tutti quelli che hanno collaborato per rendere il tutto possibile. E naturalmente grazie a tutti voi che avete partecipato con grande entusiasmo alla nostra festa.

I proventi della serata contribuiranno a mandare 30 bambini e ragazzi in vacanza a Cesenatico per due settimane nel mese di luglio 2017.

Alloggeranno presso la struttura Cesenatico Camping Village e saranno accompagnati dagli educatori professionali e dai volontari che quotidianamente seguono il loro percorso di crescita.

La raccolta fondi “Sapore di mare” prosegue online, su Rete del Dono - c'è tempo fino al 15 luglio per donare!

Per rendere questa campagna ancora più speciale, tre nostri amici hanno scelto di metterci la faccia. Seguiteci su facebook per scoprire chi saranno i nostri personal fundraiser!

Per seguire i progressi della campagna: http://www.retedeldono.it/it/f/19111.

Chiudiamo riportando quanto detto da Andrea Menin nel suo discorso di ringraziamento:

“(…) Perché si diventa uomini adulti, secondo me, si cresce come persone, quando si arriva a maturare questa doppia dimensione: un po’ cerco di vivere bene la vita che mi è data e un po’ cerco di fare vivere bene gli altri (…). Oggi, con una staffetta, abbiamo piantato in ciascuna delle nostre case una pianta. La pianta fa un po’ questa cosa (…): quando la metti nella terra lei affonda le radici, va a cercare l’acqua e i sali minerali, gira le foglie verso il sole perché deve vivere lei. Però poi fa anche quell’altra cosa: la pianta ti regala il fiore e crea bellezza per gli altri; la pianta produce ossigeno, che permette di vivere; e qualche pianta addirittura fa dei frutti. Per cui si può un po’ pensare a se stessi, un po’ essere concentrati per cercare di stare sempre vivi – ed è la cosa che anche noi in questa casa e nelle altre case cerchiamo di fare – ma un po’ si può imparare a far star bene e a far diventare migliore il mondo che abbiamo attorno."

Grazie di cuore, alla prossima!